Patrizia Casagrande è diventata la nuova presidente dell’UPI Marche, l’assemblea regionale dell’Unione delle Province Italiane.
Dispiace dirlo, ma i complimenti alla neo presidente, così come gli auguri di buon lavoro, sono del tutto fuori luogo.
Augurare buon lavoro alla Casagrande è come augurare una serena vecchiaia ad un condannato a morte già salito sul patibolo.
Si rischia di essere involontariamente comici, oltre che poco rispettosi delle disgrazie altrui. Continua a leggere…

Non potendo scegliere, di fatto, deputati o senatori, a causa del deprecato sistema elettorale, avevo dichiarato che avrei dato fiducia a quella forza politica che mi avesse offerto la concreta speranza di una drastica e sostanziale riforma dell’organizzazione dello Stato. Quale? La riforma costituzionale per l’abolizione delle province.

Inizio con questa premessa che all’incirca coincide con quanto sembra abbia detto, per altro genere di problemi ben s’intende, Albert Einstein. Ecco, citando a memoria:

È praticamente impossibile risolvere i problemi con le stesse modalità e i medesimi strumenti con cui si sono verificati

Continua a leggere…