In riferimento alla Sua richiesta del 3/2/2010, concernente la documentazione relativa alla situazione patrimoniale dei Consiglieri Comunali raccolta dal 1994 fino ad oggi, Le comunico che questo ufficio dispone, al momento, solamente della documentazione ottenuta dai Consiglieri Comunali nel 2003 (relativa ai redditi 2002), oltre a quella di un solo Consigliere Comunale che l’ha presentata spontaneamente per l’anno 2004 (redditi 2003). La documentazione relativa agli anni precedenti è stata trasferita in occasione del riordino degli uffici, alcuni anni fa, e depositata nell’archivio esterno, in località Marzocca dove non è stato ancora possibile individuarla.

Inizia così la risposta del Sindaco Luana Angeloni alla mia richiesta di accesso agli atti di un mese fa.

Con questa lettera (qui il testo completo) si fa chiarezza su una questione rimasta finora in sospeso, ovvero dove siano i dati raccolti dal 1994 al 2004 in ottemperanza al Regolamento per la pubblicità della situazione patrimoniale dei consiglieri e dei rappresentanti del Comune. I soli dati disponibili sono quelli del 2002, mentre tutti gli altri sono semplicemente introvabili, forse persi negli spostamenti d’archivio.

Dall’anno della sua introduzione, il 1994, il Regolamento non è stato mai applicato interamente, soprattutto per quanto riguarda la pubblicità dei dati raccolti. Basti pensare che quello del 2009 è stato il primo “bollettino” che ha visto la luce, strappato dopo la nostra isolata e costante richiesta, mentre il Regolamento prevede sia pubblicato una volta all’anno.

5 Commenti

  • 1. Gianluigi Mazzufferi (11 marzo 2010, 4:20 pm) :

    Per me è una sorpresa deludente questo sostanziale e perdurante silenzio sull’argomento caparbiamente affrontato da Marco con questa iniziativa sulla pubblicità della situazione patrimoniale e reddituale dei nostri “uomini pubblici”.
    Cari amici, compagni, colleghi e lettori di Popinga vi siete resi o conto o no che questa è prima di tutto una battaglia per la legalità? Una difficile battaglia perchè i nostri , i vostri eletti, o comunque coloro che ci rappresentano, raggiungano un minimo livello di decorosità. Almeno rispettando le leggi e le normative in vigore.
    Quanti ora tacciono sono pigri o vigliacchi; poi a breve avremo mille occasioni per ascoltare i loro lamenti. Quindi andrebbero presi a schiaffi. Metaforicamente, s’intende.

  • 2. Marco Scaloni (11 marzo 2010, 5:24 pm) :

    Michele Pinto ha rilanciato l’argomento con questo articolo su VivereSenigallia.it

  • 3. GABRIELE 2 (11 marzo 2010, 8:29 pm) :

    @ MARCO E GAINLUIGI, la domanda che vorrei porre non è proprio pertinente con i dibattiti in corso, casomai non la rieniate utile, prego non tenerne conto. Nel tema scorso si dibatteva della pubblicazione di un libro con denaro pubblico. Quindi a proposito di denaro pubblico: mi risulta che in questi giorni di campagna elettorale, alcuni candidati a sindaco, portino a pranzo o a cena comuni cittadini, magari membri di qualche gruppo, come per esempio i soci degli amici del molo alla lega navale.. In questi casi chi paga? E se fosse denaro pubblico è giusta la cosa? Peredonatemi l’ignoranza, è solo per sapere.

  • 4. Marco Scaloni (11 marzo 2010, 10:18 pm) :

    Credo che non siano pranzi e cene pagati con soldi pubblici ma, al contrario, occasioni di finanziamento (privato) della campagna elettorale. Tutti i candidati le stanno facendo. Alcuni dichiarano che queste occasioni rappresentano le fonti principali di sostegno economico della corsa elettorale. Chiederemo conto delle spese elettorali a tempo debito.

  • 5. Gianluigi Mazzufferi (11 marzo 2010, 11:42 pm) :

    Per quanto riguarda le spese elettorali da parte mia chiederei conto, nel dettaglio, anche delle entrate. Non scherzo, ma se mi si dice che qualcuno sostenga di aver finanziato una campagna all’americana, con una cena di simpatizzanti.
    Ho scritto sopra “nel dettaglio”. Si nel dettaglio perchè vorrei conoscere il costo ad esempio del singolo manifesto, volantino, libretto, passaggio pubblicitario, etc.
    Vi sembra eccessivo?

Commenta l'articolo

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <blockquote cite=""> <code> <em> <strong>