Oh, meno male: il ministero dell’Interno ha concesso l’auto blindata a mons. Angelo Bagnasco.
Andrea Rivera, quando gli hanno fatto notare che i vetri antiproiettile funzionano in entrambi i sensi, ha tirato un sospiro di sollievo: così, almeno da dentro la macchina, il Monsignore non potrà sparare.

3 Commenti

  • 1. Francesco Gasparetti (8 maggio 2007, 7:32 am) :

    Il bello è che la Chiesa può parlare di tutto, mentre se qualcuno si permette di dire:
    «la Chiesa non si è mai evoluta, non sopporto che il Vaticano abbia rifiutato i funerali di Welby. Invece non è stato così per Pinochet, per Franco e per uno della banda della Magliana»
    – cose verissime e sacrosante – è soltanto un terrorista, brigatista o sanculotto fondamentalista laico (avv. Heavens dixit).

    L’Osservatore romano equipara le parole di Rivera a un atto «terroristico»: «E’ terrorismo alimentare furori ciechi e irrazionali contro chi parla sempre in nome dell’amore».
    AMORE? Mi sembra che le ultime sparate di Bagnasco contro i gay-pedofili, i politici cattolici da scomunicare perché non fanno quello che dice il Papa, ecc… siano tutto tranne che inviti all’amore reciproco.
    Anzi sono proprio loro ad aver inasprito il clima, infatti prima della scandalosa nota emessa dal capo della CEI, nessuno si sarebbe azzardato a dirgli nulla né tanto meno a minacciarlo, ed ora cercano di rigirare la frittata scambiando l’effetto con la causa, foraggiandosi con quattro deficienti che ancora vanno in giro con le bombolette spray rosse a fare stelle a 5 punte.

    Ipocriti!

    Quando parla la Chiesa noi sudditi ignoranti dobbiamo sorbirci acriticamente la predica, mentre quando qualcuno osa dire l’indicibile, il giornale di Stato del Vaticano ribatte:
    «hanno dato vita ad un piccolo comizio, un confuso e approssimativo discorso sull’evoluzionismo e sui temi della vita e della morte. Tutto questo di fronte a circa 400 mila persone e a un più numeroso pubblico televisivo».
    Già, noi poveri sanculotti laici e scomunicati non abbiamo il benché minimo diritto di parlare di temi importanti come l’evoluzionismo, oppure della vita e della morte. Questi temi alti possono essere discussi solo da Papa e Cardinali che hanno una linea rossa diretta con il Dio Onnipotente.

    MA VAFFANCULO VA’!

  • 2. Gianluigi Mazzufferi (8 maggio 2007, 8:36 am) :

    Non poteva mancare il post del nostro “specialista CEI” e lo ringrazio per tener viva l’attenzione sull’argomento. Lo considero anche per quell’ironia che rende più apprezzabile il tutto.
    Non mi esimo però da due ordini di considerazioni.
    Primo la totale assenza di commenti di eventuali dissidenti dalle idee di Andrea. Per quanto so io qualcuno che legge Popinga la pensa in maniera differente! Cristiani: non sta scritto sul vangelo di Giovanni ”Il vostro parlare sia sì, sì, no, no?”. Allora coraggio, scrivete!
    Seconda osservazione, nel merito della notizia. La mia valutazione è che se un Vescovo, anzi il “capo di tutti i vescovi” accetta un’auto blindata, con tanto di poliziotto al volante, a seguito di qualche sbruffonata di esaltati, mitomani o stupidi mangiapreti siamo davvero arrivati all’ultima spiaggia. Anzi oltre l’ultima spiaggia, soprattutto per i credenti, si badi bene. Nel senso che non ritengo proprio che prima di indossare i paramenti sacri monsignor Bagnasco infili, con noncuranza, anche un giubbetto antiproiettile!
    Se invece mi sbaglio e siamo a questo punto, non ho più nulla da dire… m’arrendo!

  • 3. Francesco Gasparetti (9 maggio 2007, 6:37 am) :

    Ma magari!
    Sarebbe ora che qualcuno nella Chiesa incominciasse a parlare del Vangelo invece che solo di DICO, di 8 per mille, di profilattici, di aborto, divorzio ed eutanasia.
    Insomma se la Chiesa facesse il suo lavoro non ci sarebbe neanche il motivo di discutere di queste cose e risparmieremmo i soldi per le scorte agli alti prelati!
    Poi si lamentano del calo di vocazioni…
    E ci credo ormai alla Chiesa servono più ragionieri che preti!

Commenta l'articolo

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <blockquote cite=""> <code> <em> <strong>