Vorrei esprimere il mio sdegno più assoluto a riguardo del “nuovo”, o per meglio dire vecchio e scellerato, metodo di scelta degli scrutatori di seggio che verrà adottato durante le prossime elezioni politiche: ritengo che siamo ritornati, grazie a chi ha legiferato questa scempia legge elettorale, al Medioevo politico.

Mentre negli ultimi anni sostanzialmente i potenziali scrutatori venivano sorteggiati tra gli iscritti ad una lista, ora il ns. bel Governo ha deciso che a scegliere dovranno essere le commissioni elettorali a loro completa discrezione (RACCOMANDAZIONI).

Ora mi chiedo: chi pensate entrerà, in primis, a far parte di questi “eletti”?
Risposta: In primis persone che saranno quanto meno “vicino” (per dire un eufemismo) ai partiti!

Nel caso in cui ci fossero schede dubbie come pensate che tali scrutatori si comporteranno?
Risposta: Ragionevolmente favorendo la loro parte politica o quanto meno coloro che hanno favorito il loro inserimento come scrutatore di seggio!!!

Dov’è finito il senso di trasparenza?
Risposta: Il Governo pensa che la trasparenza sia sacrificabile in favore degli interessi dei partiti!