In pirogaQuasi quarant’anni fa due senigalliesi decisero di partire per l’Africa.

Uno di questi ero io che feci i bagagli assieme a Don Enzo Formiconi. Giungemmo nel cuore del continente nero, ad Est dell’immenso bacino del fiume Congo, nella regione dell’Ituri, tra i Pigmei, per prestare la nostra opera presso la missione cattolica di Nduye. Il progetto in cui eravamo coinvolti prevedeva l’impiego di nuove risorse umane, dopo la grande tragedia della guerra civile, le uccisioni, le distruzioni, la fuga e l’abbandono. L’impegno primario sarebbe stato nel campo della formazione scolastica e professionale, presso l’Istituto “Bernardo Longo”, l’unica occasione di questo tipo per ragazzi in età scolare nel raggio di 800 chilometri. Questa scuola era ed è tutt’oggi dedicata al missionario che l’ aveva realizzata e che era stato trucidato dai ribelli soltanto pochi anni prima.

Da allora, anche dopo la scomparsa di Don Enzo, molti tra noi senigalliesi hanno sempre mantenuto un importate collegamento con la missione nel suo complesso. In particolare però ciò è avvenuto grazie a Padre Silvano Ruaro, un religioso dehoniano come Padre Longo.  Costui, già un anno prima del nostro arrivo era impegnato sul posto, e fino ad oggi senza mai abbandonare le attività intraprese, ha fatto crescere in maniera mirabile, le strutture e gli uomini di questa regione a cavallo dell’equatore. Così è stato, con un impegno generoso e costante, anche superando le più recenti lacerazioni della guerra (Kiwu, Rwanda, etc) e dell’esodo di intere popolazioni. Padre Silvano ha fatto in modo che in quelle missioni lui fosse sempre presente, anche rischinado più volte la vita, nei momenti più tragici; così c’è stato un effettivo sostegno alle opere intraprese che hanno permesso di realizzare, con efficacia, la promozione sociale, religiosa e culturale delle popolazioni.

Domenica prossima, 16 novembre alle ore 17.30, si terrà a Senigallia, presso la sala del Centro Sociale Saline, in via dei Gerani 8, un incontro aperto a tutti con Padre Silvano Ruaro. Con l’occasione sarà proiettato e commentato un breve audiovisivo per illustrare le iniziative in corso nelle due missioni africane. Per quanti già ne sono a conoscenza, sarà l’occasione per avere gli ultimi aggiornamenti sui progressi e sulle prospettive di questo progetto.

L’invito a partecipare nasce dalla speranza che anche altre persone vogliano considerare, in qualsiasi modo e forma  ritengano più opportuni, la possibilità di far parte di questo “gruppo di amici di Padre Silvano”. Un “gruppo” assolutamente informale e senza vincoli, ma che si propone con determinazione di progredire con gesti di concreta solidarietà, mantenendo la costanza nel tempo. Così dovrebbe essere in quanto gli eccellenti risultati raggiunti con un così lungo e faticoso impegno debbono produrre altri frutti, possono dare quella speranza di cui tutta l’Africa, e la maggior parte degli africani, hanno ancor oggi assoluto bisogno.

Link: il blog della Missione a Mambasa e Nduye

Camion nel buco

2 Commenti

  • 1. Valeria (14 novembre 2008, 2:50 pm) :

    Un caro augurio per l’incontro di domenica, Gianluigi.
    Purtroppo non potrò esserci, perché sarò a Milano.
    Un saluto
    Valeria

  • 2. Dario Petrolati (14 novembre 2008, 4:04 pm) :

    Un augurio e i miei più vivi complimenti
    solo posso immaginare
    vedere quel che fa comodo
    si veda

    Sento intuisco dai miei vicini Comboniani
    quello che resta
    i segni che abbiamo lasciato
    le speranze

    Frattanto troppi di noi
    che ci crediamo furbi
    stanno a guardare

    Sapere e non partecipare
    di fatto
    non aver paura di farsi male
    sporcarsi le mani
    per aiutare

    Siamo quello che meritiamo
    non illudiamoci
    però.
    dario.

Commenta l'articolo

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <blockquote cite=""> <code> <em> <strong>