Pubblicare oggi, ad oltre quarant’anni da quel giugno 1971, alcune delle immagini della mostra “Senigallia No!” è uno spunto per tornare a riflettere su medesimi temi ed argomenti che allora avevano appassionato, ed anche contrapposto, tanti cittadini senigalliesi.

Come segno di gratitudine nei confronti di quanti allora ci diedero fiducia, ci spronarono ad agire, verso quanti furono con noi nei primi passi dell’associazione, pubblichiamo di seguito, come se fosse una “tabula gratulatoria”, i loro nomi.
Si tratta di concittadini che non sono più tra noi. I loro nomi li abbiamo tratti dagli appunti manoscritti delle primissime riunioni e, forse anche oggi, possono dare un’idea di quella che all’epoca fu un’ampia e significativa aggregazione di tante personalità senigalliesi. Una aggregazione su temi ed idee che erano allora senz’altro innovativi.

Dott. Leopoldo Alessandri, Prof. Sergio Anselmi, Prof. Mario Bettini, Prof. Gabriele Bonazza, Sig. Agostino Bucci, Ing. Paolo Bucci, P.A. Elio Carnevaletti, Dott. Lamberto Cenerelli, Dott. Mario Ceresi, Prof. Bruno Ciaffi, Prof. Rodolfo Defari, Dott. Enzo De Palo, Sig. Mario Giacomelli, Prof. Gennaro Lionetti, Dott. Adriano Malfagia, Prof. Giuseppe Marcheselli, Prof. Giuliano Olivetti, Prof. Renzo Paci, Dr. Furio Paggi, Dott. Alessandro Pichi, Prof. Americo Puerini, Dott. Mario Sella, Dott. Mario Terni, Dr.ssa Valeria Terni, Comm. Nello Zazzarini


Dalla I^ sezione, “I panorami”. Il nuovo casello dell’autostrada.


303 Dalla IX^ sezione, “Il patrimonio artistico”. Chiesa delle Grazie. Sopra l’antico stemma mediceo-roveresco la lampada testimone del progresso.


168 Dalla VIII^ sezione, “I lungomare” . Piazzale Bixio. Le finestrelle


330 Dalla VII^ sezione, “Il cuore della zona a mare” Piazzale della libertà. Dietro le sbarre.


325 Dalla VII^ sezione, “Il cuore della zona a mare” Giardini Morandi. Le feritoie per osservare il turismo.

Commenta l'articolo

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <blockquote cite=""> <code> <em> <strong>