Come accennavo recentemente nel mio articolo “In Mezzo al Guado“, all’Iran non dispiace affatto la attuale situazione irachena che vede gli sciiti in possesso di tutti i posti chiave del potere.

Finora però il governo di Teheran era rimasto nell’ombra a giocare un ruolo di secondo piano e mantenendo volutamente un basso profilo (almeno ufficialmente).

Adesso invece sembra che gli iraniani si siano decisi a scendere direttamente nell’arena, stringendo vincoli sempre più forti col nuovo governo iracheno, quello eletto “democraticamente” solo pochi mesi fa con l’avallo degli USA e di tutta la comunità internazionale.

L’ambasciatore iraniano in Iraq, Hassan Kazemi Qumi, ha svelato un ambizioso piano che prevede una grande espansione dei legami economici e militari del regime di Teheran col suo vicino ex-nemico.

Gli iraniani hanno intenzione di prendere parte alla ricostruzione dell’Iraq basandosi sul know-how acquisito dopo la guerra degli anni ’80 e vogliono sostituire gli Stati Uniti nel compito di addestramento dell’esercito iracheno.

L’ambasciatore ammette esplicitamente che il piano iraniano andrà ad inasprire la tensione già esistente tra Washington e Teheran.

Negli ultimi mesi infatti, i soldati americani hanno arrestato diversi agenti iraniani infiltrati in Iraq ed il presidente Bush ha esplicitamente autorizzato i suoi militare a compiere qualsiasi azione contro cittadini iraniani che siano coinvolti in atti ostili verso gli americani.

Insomma, mentre l’amministrazione Bush sta facendo passi indietro nei confronti del governo dello sciita al-Maliki, gli iraniani hanno scoperto le carte e vogliono dare man forte ai loro correligionari iraqeni.

Il tutto mentre la tensione sta raggiungendo livelli critici in tutto il Medio Oriente.

-In Palestina il conflitto tra i membri di al-fatah e quelli di Hamas è sempre più forte e sanguinoso.
-In Libano gli sciiti filo-iraniani di Hezbollah spingono per ottenere più potere a discapito della maggioranza sunnita e dei moderati.
-Israele è sempre il bersaglio privilegiato di tutti i fanatici fondamentalisti tra cui lo stesso presidente iraniano Ahmadinejad (ultimo attentato proprio ieri ad Eilat).
-Il braccio di ferro tra Stati Uniti ed Iran sul nucleare è sempre più forte e rischia di incrinare ancora di più i rapporti tra Occidente, Cina e Russia.

Inoltre alcuni attori principali (Egitto, Arabia Saudita, Turchia) sembrano attendere lo sviluppo degli eventi prima di prendere una loro posizione.

Se gli americani hanno attaccato l’Iraq per stabilizzare il Medio Oriente, hanno certamente fallito nel loro intento!

Tutto non è ancora perduto, ma l’escalation di violenza che pervade tutto il mondo arabo mi sembra evidente e non si vedono delle vie possibili per invertire questa tendenza.

Ora che gli iraniani hanno chiarito il loro gioco, il pallino dell’azione deve tornare nelle mani degli americani che però sembrano molto meno convinti dei loro rivali su quali azioni intraprendere per disinnescare la bomba mediorentale.

Proprio ieri la nuova candidata alle elezioni presidenziali del 2008, Hillary Clinton, ha proposto un tetto al numero di soldati da inviare in Iraq e ha chiesto a Bush “di stabilizzare l’Iraq e di riportare a casa le truppe prima della fine del suo mandato”.

Più facile a dirsi che a farsi dear Hillary!

2 Commenti

  • 1. Davide Patregnani (15 febbraio 2007, 8:55 am) :

    “il pallino dell’azione deve tornare nelle mani degli americani …”?
    meglio che il pallino lo rimettano dove l’hanno trovato e non lo tocchino più.
    Siete gia tutti cotti a puntino? Questo leggero bombardamento mediatico vi ha gia convinto che il nuovo nemico è l’iran e che bisogna nuovamente esportare un po’ di democrazia?
    cazzo! c’è voluto meno che con l’iraq! o sono diventati piu bravi loro o siamo piu cretini noi!
    spero che sto giro, quando poi diventerete tutti pacifisti, le bandiere della pace costino 120EURO l’una!
    cosi ci pensate 2 volte prima di dire: il pallino deve tornare in mano agli americani!

  • 2. Francesco Gasparetti (15 febbraio 2007, 9:57 am) :

    Con “azione” non intendevo “azione bellica”, ma che gli Usa devono rispondere in qualche modo ora che il gioco degli iraniani è palese.

    Cmq io sono stato sempre molto critico riguardo alla guerra americana in Iraq e già nel settembre 2005 (http://scaloni.it/popinga/scontri_di_civilta_iran_vs_usa/) scrivevo:

    “[cut] In definitiva questo articolo mi sembra molto propagandistico e con la volontà di creare un nuovo mostro da combattere. Chissà che l’amministrazione americana non voglia ancora ripetere l’eperienza fatta con l’Iraq quando, per alimentare la fobia del “mostro”, ci rifilò le più grosse panzane, tra cui quella delle armi di distruzione di massa, facendole passare a ripetizione sui mass-media per ottenere il consenso popolare?

    Certo attaccare oggi l’Iran mi sembra improbabile visto che gli USA sono già in difficoltà a gestire sia la situazione irachena sia quella afghana.

    D’altro canto gli iraniani hanno diversi “alleati” nell’ombra: la Cina che non nasconde la sua politica aggressiva per accedere ad una buona fetta delle risorse energetiche mondiali e anche lo stesso Putin, nei giorni scorsi, ha mandato un chiaro messaggio a Bush criticando aspramente la sua politica aggressiva e unilaterale (magari per prevenire qualche altra “azione preventiva”).

    Insomma, tutto sommato, per gli USA è meglio intraprendere la strada diplomatica, come ha dimotrato il recente successo nella trattativa con la Corea del Nord.

    Per il resto, se ho aspramente criticato la volonta degli USA di iniziare la guerra, oggi non posso che tifare per una loro vittoria e una pacificazione dell’Iraq.

    Bush avrà fatto anche delle stupidaggini, ma dall’altra parte ci sono stati fascisti governati da fondamentalisti islamici i cui leaders inneggiano, tra l’altro, al completo annientamento di Israele e foraggiano il terrorismo.

    A meno che non si voglia negare anche l’esistenza del terrorismo stesso.

    Si può discutere sui metodi di lotta, ma di certo i terroristi non si battono scagliandogli contro le bandiere della pace!

Commenta l'articolo

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <blockquote cite=""> <code> <em> <strong>