Panorama da Masada

Domenica, giorno di festa, si è tutti in casa e così passiamo dal lavoro d’ufficio a quello domestico.

C’è chi passa l’aspirapolvere, chi mette a lucido il bagno e chi riporta in ordine il terrazzino.
Due scatoloni con le bottiglie di vetro e di plastica aspettano qualcuno vicino alla porta per essere portate giù nei bidoni. Mi tocca!

“Già che ci sei porta la valigia in cantina! – mi grida dalla camera la moglie.

Giusto, la valigia.

E’ da giorni che se ne sta vuota là in un angolo con la lunga striscia di carta che penzola dalla maniglia. Ostenta quel MXP e il codice a barre che ci riportano al viaggio di rientro da Tel Aviv. Continua a leggere…