Per dimostrare la falsità innata di Silvio Pinocchioni e del suo staff propagandistico basta prendere il suo libro elettorale “La Vera Storia Italiana” a pag 154, dove, con una eloquente tabella, il Premier uscente (e speriamo non rientrante), dimostra come negli ultimi 5 anni il reddito medio degli italiani sia cresciuto dai 24.670 dollari del 2001 ai 27.119 dollari del 2006.

Insomma secondo il Cavaliere gli italiani hanno guadagnato mediamente ben 2449 dollari in 5 anni (un aumento di ben il 10%)!

A qualcuno è però venuto un dubbio: perchè i conti sono stati fatti in dollari e non in Euro?

Ebbene sul sito http://www.invideoveritas.tk/, hanno fatto due conti ottenendo un risultato incredibile: nel 2001 un dollaro valeva mediamente 1,15 Euro, mentre oggi vale 0,83 Euro (fonti http://www.uic.it/). Che significa?

Se calcoliamo il reddito 2001 in Euro otteniamo: 24.670*1,15=28.370,5

se calcoliamo il reddito 2006 in Euro otteniamo: 27.119*0,83=22.508,8

Insomma calcolando il reddito medio in Euro, invece che in dollari, possiamo facilmente notare che esso è calato di ben 5861,73 unità. Una flessione del 21% negli anni di Berlusconi a Palazzo Chigi.

Sarà stato un errore di ignoranza dei redattori del libro “La Vera (ROTFL) Storia Italiana” oppure il premier ci prende per dei COGLIONI?

La risposta l’ha già data lui stesso.

Un Coglione. 

1 Commento

  • 1. gaspa (6 aprile 2006, 7:48 am) :

    Chi volesse approfondire l’argomento…

    In realtà non basta fare una semplice conversione dollaro-euro per smascherare il trucco, che comunque c’è, come ci spiega il link:  http://xmau.com/notiziole/archives/002164.html

    In pratica si dice che il Pil Pro Capite negli anni di Berlusconi è rimasto particamente invariato (+0,5% in 5 anni) se si tiene conto dell’inflazione del periodo.

    Un altro articolo interessante è quello di un giornalista del Sole24Ore, Nicoa Borzi, che ci spiega l’andamento del Potere d’Acquisto" negli ultimi anni concludendo in questa maniera:

    "Infatti il calo del potere d’acquisto medio annuo dei cittadini riguarda sia l’Italia che la media della zona euro, ma per l’Italia è MOLTO PIU’ MARCATO:
    abbiamo perso 7,6 punti dal 1999 al 2004 di cui 6,3 dal 2001 al 2004 a fronte di un calo medio dell’eurozona di APPENA 2,4 punti dal 1999 al 2004, di cui 1,9 dal 2001 al 2004."

    Potete leggere tutto l’articolo nel link qui sotto.

    http://www.diario.it/?page=wl06040500

Commenta l'articolo

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <blockquote cite=""> <code> <em> <strong>