Enzo Pettinelli

Enzo Pettinelli è onnipresente al Centro Olimpico di Tennistavolo di via Molinello, a Senigallia. Del resto è stato soprattutto lui a volerlo, progettarlo, gestirlo da oltre venti anni.

Già tecnico della Nazionale italiana di ping-pong, allenatore di generazioni di pongisti, tra cui i vincitori di 41 titoli tricolori e campioni del calibro di Massimo Costantini, Enzo Pettinelli ha donato a Senigallia un libro, “La città del Ping-pong”, che è la storia della sua avventura sportiva e di vita, un atto d’amore per il tennistavolo senigalliese e per la sua città.

Lo abbiamo intervistato alla vigilia di Scripta Volant, la rassegna di “incontri con l’autore” organizzata dal Centro Sociale Saline e da Popinga, che vede Pettinelli protagonista il prossimo venerdì 24 marzo.

(domanda) Enzo, ho terminato di leggere il tuo libro e, chiudendolo, ho rivisto il titolo: “La città del Ping-Pong”. Scusami Enzo, ma il libro non parla di Ping-Pong!

(risposta) Nel libro il ping-pong è un simbolo di sport. Il libro è il racconto di una storia sportiva, dei giovani protagonisti di quella storia, e della loro città. In fondo al posto del ping-pong potrebbe esserci qualsiasi altro sport. Nemmeno la città o i personaggi reali della storia, pur essendo riconoscibili per molti senigalliesi, non sono mai chiamati per nome.

(d) Ricordo il libro come una bella storia di una squadra vincente, e come un viaggio nella memoria di Senigallia. Lo trovo perfetto come soggetto cinematografico.

(r) Mi hanno anche proposto di farci un film; non vi dico chi è stato a farmelo. Ma in tanti, specialmente chi è stato vicino alla squadra, mi ha detto a proposito: “sembrava di vedere un film”. E questo è molto interessante, perchè spesso, leggendo un libro, siamo spinti a crearci le immagini della storia letta; durante la lettura, cioè, giriamo il nostro “film”. Per uno stesso libro ogni lettore crea il suo film, personale, unico.
La città del Ping-Pong” nasce da un processo per certi versi simile: le immagini della mia memoria, il film dei miei ricordi, mi danno emozioni, che diventano parola scritta.

(d) In effetti la tua scrittura è composta di frasi brevi, che sono flash quasi visivi. Inoltre hai inserito molti disegni, che rimangono abbozzati. Hai preferito i disegni alle foto?

(r) Per certi versi una fotografia è violenta, perché esatta, e pronta a rinfacciarci tutti quei particolari che col tempo avevamo dimenticato, trasformato, assimilato a nostro modo. Nel mio libro, più che di memoria, possiamo parlare di ricordo. Il ricordo non è mai violento, perché è depurato dal passato, e resta sempre vivo. Un disegno rappresenta il ricordo meglio di una foto.

(d) La città del Ping-Pong è la Senigallia del passato, che evochi con amore. Hai rimpianti di quella Senigallia?

(r) Nessuna nostalgia. Non c’è nulla che si perde per sempre, non c’è nulla che si può ritrovare.
Forse un’immagine che ricordo ora con rimpianto è quella del vecchio teatro. E dei coristi della Fenice che, distrutta la loro “casa”, vagavano nelle osterie. Un’immagine che mi ha ferito; non ho avuto il coraggio di scriverne.

(d) C’è un passo del libro in cui critichi la scuola, oppressiva e violenta. Poi tu stesso ne hai fondata una. Non è contraddittorio?

(r) A noi piaceva fare sport, e serviva una struttura che permettesse di farlo. Ed io ho voluto crearla.

Ma la nostra scuola si è distinta nel modo diverso di insegnare. La crescita passa attraverso il piacere di fare. Chi soffre non migliora. E la motivazione aiuta a sopportare i momenti di dolore e di fatica. Senza motivazione, alla prima difficoltà si lascia.

(d) A proposito di motivazione, nel libro tracci le importanti differenze tra generazioni nell’approccio allo sport, e non solo.

(r) Dobbiamo innanzitutto stabilire cos’è lo sport. È una medicina? È un intrattenimento? Cos’è? È senz’altro un modo per mantenersi in forma. Ma oggi manca una cultura fisica. Cinquant’anni fa un giovane era da sempre preparato all’attività fisica, perchè ne faceva tanta e da subito, per gioco e per lavoro. Questo lo portava a chiederne ancora. Oggi i giovani ricevono meno stimoli all’attività fisica, e quindi ne sentono meno la necessità. L’immagine simbolica di questo è il prato della Rocca Roveresca, un tempo sempre consumato, oggi è perfetto.

(d) Da qui l’idea dei corsi polifunzionali e, recentemente, la proposta alle circoscrizioni per un progetto motorio e di socializzazione.

(r) La cura del fisico non va trascurata. Per questo servono spazi dove svolgere l’attività fisica, sia al chiuso sia all’aperto, e anche dove facilitare la socializzazione. Occorre considerare gli spazi all’aperto non come semplici piazze per l’incontro dei cittadini, ma come dei veri e propri giardini di gioco, per un loro utilizzo socio-sportivo-culturale. Campetti di prato sintetico, percorsi attrezzati, spazi protetti e isolati dalle strade, strutture coperte dove organizzare serate di ballo, a scadenze frequenti e regolari.
Proporremo le nostre idee alle Circoscrizioni che, in collaborazione con il Comune, ma anche grazie a donazioni e sponsorizzazioni, potranno progettare centri per la salute, da realizzare nel nostro territorio.


Nell’ambito degli appuntamenti di Scripta Volant, Enzo Pettinelli presenterà il suo libro il prossimo venerdì 24 marzo presso i locali del Centro Sociale Saline, a Senigallia, in via dei Gerani 8, con inizio alle ore 21.15. Qui trovate altre informazioni sulla rassegna Scripta Volant.

3 Commenti

  • 1. Alice (22 marzo 2006, 9:30 am) :

    I miei complimenti per l’intervista al mio amico Popinga e ad Enzo Pettinelli per la sua passione per il ping pong e per il libro che spero di leggere presto!! Per quanto riguarda il ping pong mi rievoca ricordi delle medie quando, nel bellissimo centro tennis tavolo di Senigallia, il prof Campagnolo ci portava con la scuola per imparare questo sport “forse incompreso”. Per fortuna nella nostra città abbiamo persone anche di questo calibro che, grazie al loro amore per lo sport, ci regalano gioie e spazi per trarne giovamento. Grazie ad entrambi e cercherò di riuscire a venire all’incontro di venerdì perchè penso sia davvero interessante. Ciao da Alice!

  • 2. Enzo Pettinelli in podcas&hellip (27 dicembre 2006, 1:02 pm) :

    […] Era già stato da noi annunciato, è sperimentale, è stato registrato con mezzi di fortuna (grazie Luca!) ma è di qualità accettabile e, soprattutto, speriamo, anche interessante. Si tratta della registrazione audio della presentazione del libro “La città del Ping-pong”, a cui ha partecipato l’autore stesso, Enzo Pettinelli, insieme ad altri protagonisti del ping-pong senigalliese, tra cui Massimo Costantini e Sabrina Moretti. […]

  • 3. Ci sono molti modi per ra&hellip (28 dicembre 2006, 12:50 am) :

    […] Pettinelli ha scelto quest’ ultimo modo della narrazione andando ad intrecciare fili diversi che alla fine formano una materia consistente e indissolubile, come un legame molecolare o, e forse l’esempio è più calzante visto il tema del ricordo, come uno scubidù. Pettinelli intreccia, soprattutto nella prima parte, il filo della sua vita privata, con quello della nascente società di tennistavolo e con quello della vita nella città di Senigallia. […]

Commenta l'articolo

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <blockquote cite=""> <code> <em> <strong>